PD news

Ultime notizie e attività

Amministrative 2020: i candidati del centrosinistra

Domenica 20 settembre, le cittadine e i cittadini di nove Comuni di Milano Metropolitana, Baranzate, Bollate, Cologno Monzese, Corsico, Cuggiono, Legnano, Parabiago, Segrate e Vittuone, saranno chiamati alle urne per scegliere il proprio Sindaco.

Di seguito la lista delle candidate e dei candidati alla carica di Sindaco che sosterremo come PD Milano Metropolitana: 


Con LUCA ELIA, candidato Sindaco per BARANZATE
Quarantatré anni, da sempre a Baranzate, laurea in Scienze Politiche e un Master in organizzazione aziendale e gestione del personale. Dopo il Master ho lavorato in una società di consulenza dove mi sono specializzato in progetti per i Comuni e per la pubblica amministrazione. Dipendente comunale, dal 2005 al 2010 vice presidente del Consiglio comunale, fino al 2015 consigliere. Sono stato membro di Legambiente, sono socio ANPI e ho contribuito alla nascita del circolo ACLI Baranzate.
Nel 2007 ho contribuito alla nascita del Partito Democratico di cui sono stato membro dell’assemblea costituente nazionale. Oggi sono membro dell’assemblea nazionale del PD, ho ricoperto ruoli di responsabilità nel partito a livello metropolitano e sono coordinatore metropolitano dell’Associazione Ecologisti Democratici.
Dal 2015 sono Sindaco di Baranzate, città che mi candido oggi a guidare per una seconda volta. 
I punti principali del mio programma riguardano la rigenerazione urbana e la riqualificazione delle aree dismesse, la coesione sociale e l'istruzione per aiutare le fasce più deboli e sostenere la rete di servizio a sostegno delle persone in difficoltà. Ampio spazio alle tematiche ambientali, con la realizzazione del grande anello verde ciclopedonale, per poter raggiungere a piedi e in bicicletta i servizi, i negozi e il comune.
Il mio slogan è "Un passo avanti, ancora".

 

Con FRANCESCO VASSALLO, candidato Sindaco per BOLLATE
Cinquant’anni, nato in una delle zone più belle d’Italia, il Cilento. Dall’età di cinque anni vivo a Bollate, città dove sono cresciuto e di cui sono Sindaco in carica. Vivo il “fare politica” con la passione e il coraggio di mettere in gioco esperienze, storie e valori e con la consapevolezza che ognuno di noi è chiamato a dare un contributo, anche se piccolo, alla crescita sociale, economica e culturale della propria comunità. E per migliorare la società in cui viviamo, l’unica possibilità è di rimboccarsi le maniche e assumersi delle responsabilità, così come scrisse Martin Luther King sessant’anni fa: “Può darsi che non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non fate nulla per cambiarla.”  Il mio programma in pillole: riqualificazione energetica e ambientale della città; potenziamento della viabilità cittadina, sovra-comunale e delle piste ciclabili; implementazione dei servizi digitali comunali; incremento degli investimenti culturali e del sistema educativo; sviluppo delle politiche sociali, sanitarie, commerciali e giovanili (riconversione dell’ospedale di Bollate, realizzazione del Centro Diurno Integrato, lotta alle nuove povertà, finanziamento delle start up giovanili, avvio dei nuovi Distretti Commerciali); investimenti nella sicurezza (assunzione di nuovi agenti di polizia locale, potenziamento della rete di videosorveglianza, controllo di vicinato). Il mio slogan è "Ce la faremo. Di nuovo". 


Con ALESSANDRA ROMAN TOMAT, candidata Sindaca per COLOGNO MONZESE
Avvocato e mamma (ho un figlio di otto anni), di origini friulane, classe ’68, nata a Milano, abito dall’infanzia nella città che spero di amministrare. Ho sempre seguito la politica in una prospettiva “civica”: ho svolto volontariato, sono stata attivista e coordinatrice della lista civica Cologno Solidale e Democratica e Garante del Forum Cittadino, luogo di dibattito fra le forze di centro sinistra e i colognesi, ho scritto e collaborato ad una rivista di cultura critica (Poliscritture), nata proprio nella nostra città.
La mia candidatura è espressione della saldatura fra il civismo e i partiti del centro sinistra: una visione politica netta, ma ancorata ai bisogni concreti della città. I punti del mio programma : attuazione della partecipazione (i cittadini coinvolti nell’amministrazione con tutti gli strumenti disponibili, dalle consulte al bilancio partecipato), riqualificazione dell’ambiente (scelte ecologiche e salutari, contrasto all’inquinamento e interesse per la Natura, scelta del bello nella pianificazione generale come nell’arredo urbano), perseguimento dell’uguaglianza di opportunità dei cittadini (housing sociale, contrasto a tutte le forme di emarginazione e di disagio) e passione per la cultura (valorizzazione delle competenze locali, ma nel collegamento con i temi e i progetti della Città Metropolitana e oltre).  
Lo slogan iniziale della mia candidatura è stato “La politica è gentile” volendo sostituire al linguaggio dell’insulto e del pregiudizio quello dell’approfondimento e del rispetto. Quello di coalizione è #ColognoCambiaPasso, ad esprimere sia un desiderio di rinnovamento della classe politica che una visione inedita del futuro della città.

Con STEFANO VENTURA, candidato Sindaco per CORSICO
Ho 31 anni e vivo a Corsico da sempre. Ho iniziato il mio impegno politico negli anni del liceo, periodo in cui ho anche intrapreso un lungo percorso di volontariato per l'inclusione sociale di persone con disabilità.
Laureato in discipline Economiche e Sociali, poi Master in politiche pubbliche, insegno Economia dell'integrazione Europea presso una Fondazione internazionale. 
Negli ultimi anni ho visto una Corsico sempre più spenta e senza prospettive, amministrata senza visione e senza le necessarie competenze. Conosco tante donne e tanti uomini che insieme a me possono fare la differenza e restituire alla città il futuro che merita. Metteremo tutto il nostro impegno per una città ordinata, curata e pulita, per offrire servizi efficaci ed innovativi, per proporre momenti di aggregazione e di cultura, per costruire una comunità inclusiva in cui si cresca tutti insieme. Il mio slogan è "Corsico torna grande". 

 

Con GIOVANNI CUCCHETTI, candidato Sindaco per CUGGIONO
Ho 63 anni, sono nato, cresciuto e vivo a Cuggiono. Sono sposato e ho un figlio. Sono pensionato dal luglio 2018 e ho svolto la mia attività lavorativa come funzionario direttivo presso un importante ente territoriale lombardo. Ho scelto come slogan e titolo del mio programma elettorale "Coltiviamo il futuro".
Ciò che mi sono chiesto è se Cuggiono può ancora essere il luogo e lo spazio dove scegliere di vivere in modo sereno e di investire, di garantire una migliore qualità della vita ma anche una solidarietà diffusa. 
Occorre quindi scommettere sulla centralità della conoscenza e della competenza, del sapere e del saper fare per attivare in modo sistematico progetti per riabitare Cuggiono, per recuperare, riqualificare e rigenerare lo spazio urbano, ridando spazio e opportunità al commercio, puntando alla mobilità sostenibile, alla qualità ambientale, alla sicurezza, al decoro e a nuove opportunità di lavoro.
Il filo conduttore del programma è l'attenzione e la cura delle persone e dei luoghi non solo per produrre ricchezza economica ma anche quale volano di una nuova capacità di produrre benessere sociale e cittadinanza attiva.

 

Con LORENZO RADICE, candidato Sindaco per LEGNANO
Trentanove anni, sposato e padre di tre figli. Sono manager in una fondazione che opera nel sociale, sono conosciuto in città per il mio impegno nel mondo del volontariato e per la mia lunga partecipazione attiva alla politica cittadina.
Sono stato per alcuni anni consigliere comunale acquisendo una solida conoscenza della macchina amministrativa, e adesso inizio un entusiasmante percorso di costruzione insieme a tutta la città di Legnano un programma di lavoro per i prossimi cinque anni, che sia capace di rinnovare la politica cittadina e aperto alle grandi sfide ambientali, culturali, sociali ed economico-produttive che il futuro prossimo impone.
Per questi motivi l’attuale coalizione è un punto di partenza, aperto a tutte le persone, forze politiche e sociali che mi vorranno sostenere per il rinnovamento e rilancio della città di Legnano.
Le nostre priorità? Innanzitutto una città viva e pulita, e quindi più sensibile alla questione ambientale nella vita di tutti i giorni e più attenta ai bisogni dei cittadini. Una città policentrica, che sia in grado di diffondere i servizi dal centro alle periferie, potenziando la rete verde e del commercio. Una città per i più piccoli, con spazi aperti tutto il giorno per sport, attività educative e culturali/ricreative. Una città che dia spazio alla salute, e quindi a servizi sociali più efficienti e coordinati con i Comuni del Legnanese. Semplicemente una città che ha il coraggio di immaginare.
 

 

Con ORNELLA VENTURINI, candidata Sindaca per PARABIAGO
Parabiaghese da sempre, ho 68 anni, sono sposata con due figli già adulti ed una splendida nipotina di 9 anni.
La mia candidatura è una candidatura di esperienza; infatti ho ricoperto il ruolo di vicesindaco ed assessore all’educazione e allo sport fino agli anni 2000. Esperienza quindi, perché in un momento di difficoltà ed emergenza come quello che stiamo vivendo, è indispensabile possedere la conoscenza della macchina amministrativa e la competenza per saperla gestire al meglio.
Sono donna di scuola, e la scuola e i giovani - in questo momento di emergenza - sono stati completamente dimenticati. Credo, invece, che in un progetto per una Parabiago sostenibile la scuola e i giovani devono diventare protagonisti ed essere messi al primo posto del percorso.
All’interno del mio slogan "PENSARE IL DOMANI" due sono i temi chiave: ambiente e giovani. Pur non tralasciando altre tematiche importanti (gli anziani, il sostegno alle famiglie, la sicurezza, il territorio, l’economia, la manutenzione degli edifici,…), se pensiamo il domani non possiamo che dare al nostro programma un forte orientamento alle questioni ambientali, interrogandoci su quale Parabiago vogliamo lasciare alle future generazioni. Mentre giovani è l’altra parola d’ordine, da declinare nei diversi aspetti: giovani e scuola, g. e formazione, g. e lavoro, g. e sport e tempo libero.

Con PAOLO MICHELI, candidato Sindaco per SEGRATE
Ho iniziato a fare politica nella mia città, Segrate, nel 2009 fondando la lista civica Segrate Nostra. L’obiettivo è la difesa del territorio, del verde e la gestione trasparente delle finanze pubbliche. Consigliere comunale alla prima tornata elettorale, intanto, nel 2013 vengo anche eletto Consigliere Regionale in Lombardia tra le fila della Lista Umberto Ambrosoli, con cui condivido una grande amicizia. Ma il richiamo alla mia città è troppo forte, così nel 2015 mi ricandido a sindaco e vinco, decidendo così di dimettermi dal Consigliere Regionale.
Durante i 5 anni di mandato riesco a salvare le ultime aree verdi e agricole rimaste, approvando un innovativo PGT che riduce al minimo il consumo di suolo e restituisce integri alla città i suoi tre grandi parchi. Mi trovo inoltre a dover risanare il bilancio dell’ente drogato da decenni di utilizzo degli oneri di urbanizzazione, compiendo scelte difficili che salvano però la città dal dissesto finanziario, pur mantenendo attivi tutti i servizi.
Con coraggio e coerenza torno a candidarmi per il secondo mandato, per completare la mia visione di politica locale, basata sul civismo, sulla legalità, sul bene comune e sulla difesa dell’ambiente.
Il mio slogan è: "Sempre più Segrate".
 

Con LAURA BONFADINI, candidata Sindaca per VITTUONE
Ho 54 anni e sono vittuonese da sempre. Sposata con una figlia, laureata in Scienze dell'Informazione, lavoro in una multinazionale delle telecomunicazioni e mi occupo di sicurezza informatica e privacy. Dal 2008 al 2012 sono stata presidente del Consiglio di Istituto nell’Istituto Comprensivo Dante Alighieri di Vittuone.
Candidarmi alla carica di Sindaco per me significa mettere in campo i valori e le idee che nel tempo abbiamo sviluppato per Vittuone, aprire a nuove proposte e a nuove energie nel solco della visione di paese che abbiamo condiviso nel 2016, quando ho accettato di candidarmi come consigliere nella lista civica ViviAmo Vittuone.
Il programma della nostra lista civica sarà il frutto della condivisione con i cittadini vittuonesi e la sintesi di esperienze, di idee nuove e di persone che avendo a cuore Vittuone, si impegneranno ad amministrare il paese con passione e con modalità nuove rispetto al passato, che possano far sentire il cittadino di qualunque età al centro di questo progetto.
Per questo motivo ho accettato la candidatura alla carica di Sindaco per ViviAmo Vittuone.
È una grande sfida in un momento difficile per il nostro Paese, ma la accolgo con spirito di servizio e con grande entusiasmo.
 

In Lombardia non è andato tutto bene, è ora di cambiare!

I weekend del 18-19 e del 25-26 luglio saremo nelle piazze e nelle strade, a Milano Metropolitana, per la mobilitazione "In Lombardia non è andato tutto bene, è ora di cambiare" . 
Un'occasione per incontrare le cittadine e i cittadini, lanciare la nostra campagna di tesseramento 2020 "C'è da fare e da rifare. La differenza la fai tu" e raccontare la nostra proposta di riforma della sanità lombarda. 
L'emergenza Covid-19 ha mostrato, purtroppo, il fallimento del "modello" di sanità lombardo voluta da Maroni e promosso dall'attuale presidente Fontana.
Messo alla prova dalla violenza della pandemia non ha retto; abbiamo assistito ad una gestione degli ospedali confusa, al fallimento della medicina territoriale, alle scelte scellerate sulle RSA. 
Per questo siamo convinti che serva un cambiamento radicale, a partire dalla legge regionale numero 23, meglio conosciuta come riforma Maroni. 


A Milano puoi trovarci qui: 
Sabato 18, dalle 10 alle 13, Largo La Foppa 
Sabato 18, dalle 10 alle 16.30, stazione della M3 Crocetta (davanti alla statua) 
Sabato 18, dalle 10 alle 13, viale Corsica (altezza Simply) 
Sabato 25 e domenica 26, davanti al circolo Gino Giugni in via Astesani 27
Sabato 25 luglio, dalle 10.00 alle 12.00, in piazza Costantino e domenica 26 luglio, dalle 16.00 alle 19.00, all'Anfiteatro Martesana via Bertelli
Sabato 25, dalle 10.30 alle 14 in piazza Frattini 


Nell'area metropolitana puoi trovarci qui: 
Basiano
: domenica 26, dalle 9 alle 12.30, nello spazio adiacente al circolo (via Nardi, 10)
Cesate: mercoledì 15 aperitivo a inviti nel circolo (via S.S. Alessandro e Martino 2)
Cambiago: sabato 25 località Torrazza e lunedì 27 in piazza Marconi
Corbetta: sabato 18, dalle 9 alle 12, piazza Primo Maggio
Cornaredo: domenica 19, dalle 9.30 alle 12, piazza Libertà 
Cuggiono e Bernate Ticino: sabato 25 e domenica 26 nell'androne sulla via di passaggio che porta alla Villa e Parco Annoni
Inzago: sabato 25 dalle 10 alle 12, piazza Maggiore
Santo Stefano Ticino: domenica 26, dalle 9 alle 12.30, piazza 8 Marzo (lato via Trieste)
Sesto San Giovanni: sabato 18, dalle 10, mercato di Carlo Marx 
Solaro: domenica 26, dalle 9 alle 13, piazza della Libertà 14 
Trezzano Rosa: sabato 25, al mattino, parcheggio del Centro commerciale "3 Rose"
Vignate: domenica 26, piazza della Chiesa 
Vimodrone: domenica 19 e domenica 26, al mattino, piazza Unità d'Italia; venerdì 17 e venerdì 24, al mattino, mercato di via Cesare Battisti 
Zibido San Giacomo: sabato 25, dalle 8.30 alle 12, via Togliatti angolo via Lenin

Per scaricare i materiali della mobilitazione:
Manifesti sanità
Volantini sanità
Manifesti tesseramento
Volantini tesseramento

C'è da fare e da rifare. La differenza la fai tu

Al via il tesseramento 2020 "C'è da Fare e da Rifare. La differenza la fai tu"
Abbiamo scelto questo slogan perché crediamo che questo sia il tempo del coraggio. Il coraggio di essere in prima fila e di rimboccarsi le maniche per affrontare questa crisi sanitaria, economica e sociale, e di trasformala in un’opportunità.

Il coronavirus ci ha spiazzato, ma ha acceso in noi ancora di più la voglia di impegnarci e di fare la nostra parte. Se guardiamo indietro ripercorriamo un anno intenso, di battaglie vinte insieme, di manifestazioni nelle piazze. Il 2019 è stato l’anno della prima Festa de l'Unità plastic free al Karma, giorni di cui sentiamo nostalgia, perché probabilmente non sarà possibile replicarli nel 2020. Gli ultimi mesi ci hanno costretto a ripensare il nostro modo di fare politica e di essere comunità, trovando nuove strade per non rinunciare alla partecipazione e al coinvolgimento.

C’è da fare, perché l’emergenza del covid-19 ha cambiato le nostre abitudini e certezze, e ci sono pagine bianche da scrivere, ma c’è anche da rifare perché questa crisi ha svelato nuove povertà, nuove disuguaglianze e nuovi bisogni per i quali c’è bisogno di ripensare a un nuovo modello di società e di sviluppo delle nostre città e del nostro Paese. La differenza la fai tu: la fanno le tue idee, le tue ambizioni, la tua voglia di costruire un domani post coronavirus.

Continua a leggere

Milano Italia, scriviamo un nuovo futuro

“Oltre 2200 persone hanno partecipato ai 16 tavoli di lavoro, presieduti da esponenti di governo, eletti nelle istituzioni, sindaci, assessori del Comune di Milano, stakeholders di diversi settori, nell’ambito dell’evento online “Milano-Italia, scriviamo un nuovo futuro” promosso dal PD Milano Metropolitana.

Mentre in più di 1000 hanno seguito la plenaria in diretta Facebook aperta dalla segretaria metropolitana Silvia Roggiani, a cui sono seguiti gli interventi del segretario regionale Vinicio Peluffo, del sindaco di Milano Giuseppe Sala e del vicesegretario del PD Andrea Orlando.

“Noi oggi costruiamo una discussione sul futuro a partire da due certezze - ha dichiarato in diretta la segretaria dem Silvia Roggiani - quella della fiducia nel Comune di Milano, nel governo e nell'Europa, e quella della totale sfiducia in Regione Lombardia, che ha fatto della retorica dell'eccellenza una retorica vuota e lontana dalla realtà sul territorio. Una realtà territoriale, fatta di tanti medici, infermieri e operatori socio-sanitari, che nulla ha a che vedere con la gestione fallimentare della sanità messa in campo da Gallera e Fontana. Una regione che ci ha raccontato bugie e che ora scarica la ripresa sui cittadini e sulle aziende, che dovranno arrangiarsi da soli. Io credo che potremo rialzarci perché credo in Milano metropolitana e nella grande capacità dei milanesi di rimboccarsi le maniche e di non arrendersi mai. La grande partecipazione di oggi dimostra, non solo che le istituzioni ci sono, ma soprattutto che le forze vitali ed economiche del nostro territorio non vogliono rinunciare a scrivere le pagine del futuro. Il governo ha stanziato finora risorse straordinarie, per non lasciare nessuno indietro e da solo, ma l'urgenza ha imposto uno sguardo immediato, ora serve uno sguardo più lungo. E' venuto il momento di una società nuova, con più diritti e maggiore equità sociale, e con uno Stato emancipatore che aiuti a cittadini a spiccare il volo. Partiamo da oggi: questo è il tempo del coraggio e del protagonismo di chi non si arrende al presente - ha concluso Roggiani.

Continua a leggere

Test sierologoci: "Bene cambio di strategia ma ora Regione ammetta errori"

COMUNICATO STAMPA - "Stamattina apprendiamo dai giornali che Regione Lombardia sta lavorando ad una delibera che dà il via libera a numerosi laboratori privati (finora solo all'azienda Diasorin) di procedere con test sierologici e di aumentare il numero di tamponi anche a domicilio.

Insomma un cambio di strategia che noi, come opposizione, chiedevamo da tempo, anche se permangono scelte sbagliate, perché test e tamponi vanno garantiti soprattutto ai lavoratori e a chi è in quarantena, in tempi rapidi. Cosa che non accadrà vista la decisione, da parte di Regione Lombardia, di non fissare regole né un tetto massimo di costo alle strutture private incaricate di fare i test sierologici, tutto questo a svantaggio naturalmente dei cittadini più fragili.

Ieri sera la maggioranza in Consiglio regionale ha "assolto" l'assessore Giulio Gallera ma questo non basterà a cancellarei i "abbiamo fatto tutto bene" né il dramma di tanti familiari che hanno perso i loro cari, in qualche caso per colpa di qualche scelta scellerata, come la delibera dell'8 marzo sulle RSA.  Come si dice "meglio tardi che mai" ma è davvero inaccettabile e irrispettoso che i vertici della Lombardia continuino a compiacersi e ad affermare di non aver sbagliato nulla"

Continua a leggere

Contatti.

PARTITO DEMOCRATICO 
MILANO METROPOLITANA


Via Roberto Lepetit, 4
20124 Milano

Tel. (+39) 02 6963 1000
Fax (+39) 02 6963 1023

Partito Democratico
Milano Metropolitana


Social


© Copyright 2020 - PD Milano Metropolitana